Disposizioni generali

  

Le istruzioni sono contenute nelle circolari in materia di sicurezza.I piani di emergenza sono provati durante l’anno scolastico.Gli enti competenti vengono interessati per la risoluzione di tutti i problemi inerenti sicurezza, igiene e pulizia. L’attività di “informazione/formazione”, in tema di “sicurezza” si prefigge di far acquisire al personale scolastico i sotto indicati obiettivi, previsti dal nuovo testo Unico D.lgs. n. 81/2008.1. Acquisire la “cultura della sicurezza e della prevenzione”.2. Essere in grado di identificare i fattori di rischio in ambito scolastico, in particolare i rischi specifici cui il lavoratore è esposto in relazione all’attività svolta e le relative misure di protezione e prevenzione da adottare.3.

Acquisire le seguenti competenze per la prevenzione:

  • rischio incendio; rischio elettrico; rischio meccanico;
  • rischio chimico; rischio fisico; rischio biologico;
  • pericoli connessi all’uso di sostanze pericolose;
  • uso dei videoterminali;
  • movimentazione dei carichi;
  • conoscere le “procedure” che riguardano l’ “organizzazione e la gestione dell’emergenza: il pronto soccorso, la lotta antincendio, l’evacuazione dei lavoratori”;
  • conoscere la segnaletica di sicurezza;
  • conoscere le nozioni relative ai diritti e doveri dei lavoratori in materia di sicurezza e salute sul posto di lavoro;
  • conoscere i fondamenti essenziali della normativa della sicurezza negli ambienti di lavoro, con particolare riguardo al proprio posto di lavoro e alle proprie mansioni;
  • considerare la sicurezza non solo come insieme di norme che inducono ad una protezione coercitiva, ma come valore fondante del benessere lavorativo.

La formazione interessa pertanto tutte le componenti scolastiche (individuali e collegiali) che sono chiamate a diventare, ciascuna nell’ambito del proprio ruolo e delle funzioni assegnate, soggetti attivi e consapevoli nel miglioramento delle condizioni di salute e di sicurezza degli ambienti scolastici.

 

DECRETO 81/08 SCUOLE

PRESENTAZIONE - Tra le principali novità contenute nel Testo Unico sopracitato, per quanto riguarda la scuola, si evidenzia “ … il finanziamento delle attività finalizzate all’inserimento, in ogni attività scolastica ed universitaria, nelle istituzioni dell’alta formazione artistica e coreutica e nei percorsi di istruzione e formazione professionale, di specifici percorsi formativi interdisciplinari alle diverse materie scolastiche volti a favorire la conoscenza delle tematiche della salute e della sicurezza nel rispetto delle autonomie didattiche”.

La scuola viene quindi identificata non solo come luogo di lavoro per le attività che vi si svolgono ed in cui operano migliaia di lavoratori, ma anche come luogo deputato alla formazione degli studenti, futuri lavoratori, per i quali è fondamentale che l’educazione alla sicurezza sia parte integrante del percorso formativo.

  

Allegati
INDIRIZZI APPLICATIVI PER LA SALUTE E SICUREZZA NEGLI ISTITUTI DELL'EMILIA ROMAGNA